Minerali e cristalli: alleati per il nostro benessere

Pubblicato in - Autostima & Fenomeni medianici & Sensitività il 08/01/2014 0 Commenti

L’ispirazione per questo articolo, è motivata dalla  passione per le gemme. Ho letto anche un libro dell’autore: Micheal Gienger, che sin dalla sua infanzia ha collezionato pietre e minerali. In Germania ha approfondito la sua conoscenza dei metodi di cura naturali. Negli anni ottanta ha costituito un gruppo di ricerca sulle proprietà terapeutiche dei minerali. Lui è il fondatore della Terapia con i minerali, come disciplina autonoma, fondata su basi scientifiche. Considero la cristalloterapia una disciplina, molto affascinante, che puo’ essere un’ alleata, per il recupero del nostro benessere: mentale, psicologico, spirituale e fisico. 

COME SI FORMANO I MINERALI E ROCCE PRIMARIE

Il magma: è una roccia diciamo; che si trova sotto la crosta terrestre allo stato incandescente ed è in continuo movimento. Vi è una continua, circolazione dei materiali magmatici e la crosta terrestre galleggia su tale oceano lavico. Nascono fenditure o catene montuose. Dalle fenditure avviene poi un fenomeno chiamato eruzione vulcanica. A causa dell’elevata temperatura, dell’ordine di parecchie migliaia di gradi, del magma; nel processo di raffreddamento, alcuni materiali, tendono a condensarsi, ed a separarsi prima degli altri, evidenziando nuclei, o germogli, destinati a divenire dei grossi cristalli. Il prodotto finale è un minerale; in caso invece il risultato sia un materiale ” misto”, in cui sono presenti più minerali, si parla di roccia. Vi sono anche rocce secondarie, derivanti dalla profondità del sottosuolo, teatro di processi magmatici, che risalgono verso la superficie, e si spostano progressivamente verso valle. Qui se l’acqua scorre, trasporta questi oggetti, e si depositano in detriti, che andranno a formare altre rocce. Questo fenomeno si chiama sedimentazione, e la roccia che si forma sedimento. Avremo l’Anidrite, la calcite, la dolomite, la selenite e la pirite, che sono terapeutiche.

Rocce e minerali, sono oggetto di un processo  di trasformazione, che puo’ riportarle allo  stato magmatico di origine, questo si chiama processo litogenetico. Minerali e rocce, malgrado non possano modificare le nostre profonde inclinazioni, possono però aiutarci a svilupparne e dispiegarne il potenziale complessivo. Le rocce magmatiche ed i minerali primari, sono in grado di favorire l’apprendimento, stimolare la consapevolezza psicologica e lo sviluppo di modelli di pensiero e di comportamenti atti a contribuire alla guarigione dell’individuo. In tutte le situazioni, in cui dobbiamo affrontare radicali comportamenti cambiamenti nella nostra vita, e in cui dobbiamo metabolizzare nuove impressioni e nuove esperienze, i minerali primari rappresentano la prima scelta quanto a proprietà terapeutiche. Essi infatti aiutano il soggetto a superare tipiche difficoltà che incontriamo durante la malattia.

L’uso della cristalloterapia, è una disciplina autonoma recente, ossia da circa 10 anni, il punto di riferimento di questa nuova disciplina rimane in ogni caso la ricerca continua ed il controllo dei risultati che da essa emergono. Qui di seguito parlero’ dei principali minerali o cristalli più diffusi e noti. Io per mia scelta, analizzerò solo le proprietà terapeutiche sullo spirito, mente e psiche, e non quelle sulla parte fisica. Occorre tenerle a contatto con la nostra pelle, quando desideriamo il loro effetto benefico, o portarle a contatto con qualche gioiello.

 PIETRE CHE FAVORISCONO ANCHE LA MEDIANITA

geografia-astronomica-i-minerali_ccdf60545c2b6aca6d8759f47276803d

IL CRISTALLO DI ROCAè un cristallo incolore e trasparente. Si forma nelle druse  o filoni o mediante processi idrotermali, o nelle crepe a partire da una soluzione di acido silicico. I quarzi fantasma invece si formano in superficie, se il cristallo ha a disposizione per la sua crescita periodi molto lunghi dell’ordine di milioni di anni. Presso molte  culture è stato considerato un minerale dai poteri magici terapeutici cui si ricorreva per cacciare demoni e malattie e per infondere forza ed energia. Le sfere fatte di questo materiale erano fatte per predire il futuro.

Rende sinceri ed imparziali, rafforzando la capacità di comprendere gli altri. Aiuta a recuperare quelle qualità che si ritenevano perdute. Stimola l’individuo a conoscere se stesso. Come quarzo fantasma, aiuta a superare i propri limiti della mente. Esiste in pietra, essenza, cristallo. Può essere usato da solo o per rafforzare le altre pietre.

acquamarina2ACQUAMARINA: appartiene alla famiglia del berillo. Si forma nelle rocce pegmatitiche, con presenza di ferro che ne dà la colorazione. Pietra che favorisce la crescita interiore, la preveggenza, la medianità, rende sinceri, dinamici e assicura successo.  MENTE: elimina la confusione, produce tranquillità ed un senso di leggerezza e infonde il coraggio per portare a termine tutto ciò che si intraprende. Aiuta a definire le questioni irrisolte e a mettere ordine. Può essere tenuta a contatto con il corpo, anche per lunghi periodi.

LA TORMALINA E QUARZO TORMALINICO    group-of-tourmaline

La tormalina è un minerale primario che si forma nelle plutoniti e in particolare nelle pegmatiti, generando grossi e variopinti cristalli. Nonostante i costituenti chimici della tormalina possano essere i più diversi, la sua struttura rimane costante, con la possibilità di varie colorazioni a seconda dei metalli contenuti. Avremo sette varietà: dravite, elbaite, indicolite, rubellite, verdelite, tormalina nera, uviteOgni tormalina possiede un ampio spettro d’azione, che riflette la grane complessità chimica di questa pietra. L’elbaite, ossia quella di qualsiasi colore, anche incolore rende recettivi e sensibili, sviluppa l’immaginazione e la fantasia, aiuta a fondere lo spirito, mente, emozioni e corpo in un’armoniosa unità, dalla quale si sviluppano saggezza e creatività; inoltre rende creativa la vita onirica, sia diurna che notturna. L’indicolite ossia quella di colore blu, amplia l’orizzonte mentale e promuove senso di tolleranza, elimina la tristezza,e libera da emozioni represse, portando felicità. La dravite: di color bruno, giallo, verde.grigio, stimola ad aiutare gli altri, e a superare i problemi di angoscia all’interno di gruppi.  La rubellite di colore rosa, rossa, rende estroversi, intraprendi e affascinanti, rende perseveranti, e ci aiuta a cambiare il comportamento quando è necessario. La tormalina anguria, aiuta ad affermare la propria volontà, attenua gli stati depressivi ed i timori, promuove tranquillità e sicurezza. La Verdelite: stimola la gioia di vivere, enfatizzando tutti gli aspetti positivi della vita.                            

LA TORMALINA  NERA         

tbkvdm2

è molto utile, in quanto riduce le tensioni, e protegge dai pensieri negativi, quindi è utile, nel caso si affrontano situazioni o persone con una certà negatività. Genera comprensione, amore ed amicizia, promuove imparzialità ed inspira tranquillità.

IMPIEGO: la tormalina, può essere portata con sè. Per stimolare il flusso energetico nei meridiani, occorre applicare dei cristalli lungo di essi, con le punte orientate secondo la direzione della corrente energetica. Le essenze sono caratterizzate da un’azione rapida ed efficace.

pietra di luna

 LA PIETRA DI LUNA: questo minerale è associato alla luna. E’ un fedspato potassico su cui, a causa ella struttura lamellare interna, la luce incidente si rifrange. Questo fenomeno determina dei riflessi bianco bluastri. Presso le culture orientali, viene portato come amuleto o portafortuna. Questa pietra stimola le facoltà medianiche e preveggenti del soggetto. Produce sogni lucidi, soprattutto durante la fase del plinilunio. Migliora l’intuizione del soggetto, mitiga il temperamento lunatico, facilita il ricordo dei sogni. Permette all’individuo di accettar i propri aspetti irrazionali. In tal modo, se da un lato lo fa essere aperto nei confronti dei cosiddetti colpi di fortuna, dall’altro, lo lascia preda delle proprie illusioni.

IMPIEGO: la pietra di Luna deve essere applicata sulla fronte, o sul cuore, in alternativa è sufficiente portarla con sè

Altre pietre che aiutano la medianità sono l’alessandrite e la labradonite.

alessandrite1

ALESSANDRITE

labradorite (1)

LABRADONITE

PIETRE CHE AIUTANO LA SPIRITUALITA’, LA SICUREZZA IN SE STESSI, IL DINAMISMO, CORAGGIO, PROTEZIONE.

        L’AMETISTA:

201021113201711_ametista L’ametista appartiene alla famiglia dei quarzi cristallini e deve il suo colore alla presenza di ferro. Apprezzato sin dai tempi dei Greci, per la sua capacità di favorire la lucidità mentale, scacciando i pensieri negativi e astrusi e conferendo  equilibrio e buon senso.  Stimola la consapevolezza spirituale e facilita la presa di coscienza dell’anima. E’ una pietra meditativa, in quanto utile per esaltare la capacità introspettiva, rivelando al soggetto la sua saggezza interiore. Ottima per i momenti di tristezza. Mettendola sotto il cuscino o sul comodino, rende più vividi e lucidi i sogni. In stato di veglia, l’ametista favorisce l’ispirazione e l’intuizione. Contibuisce al superamento dei meccanismi incontrollati delle manie. Promuove la sobrietà e la consapevolezza. Utile contro l’emicrania.

IMPIEGO: l’ametista dovrebbe essere portato con sè per ottenere effetti duraturi sul piano spirituale; oppure va contemplato regolarmente, tenendo delle druse in casa; e si noterà un’ influenza energica positiva, su chiunque entri in casa.

Opal_rough_ethiopian

         OPALE: è una silice idrata colloidale. Esistono in versioni, blu, bianca, nera. Nota come pietra della fortuna , che della sventura, quest’ultima secondo la mitologia indiana. Questa pietra ispira la gioia di vivere, e fa in modo che l’individuo si concentri vero gli aspetti colorati della vita. Rafforza il desiderio, eros, sessualità. Rende seducenti, emotivi, spensierati, ed ottimisti. Promuove la spontaneità e l’amore per la poesia e la musica. Si mette a contatto con il corpo, o si può usare come pietra meditativa.

TURCHESE

LA TURCHESE: scoperto in Turchia. Utilizzato come amuleto contro sortilegi di ogni tipo e per garantire a colui che lo indossava forza, salute e gioia di vivere. Il turchese stabilizza gli stati d’animo estremi, riducendo la tendenza al vittimismo. Infonde nuova energia nei momenti di stanchezza, depressione ed esaurimento. Se l’individuo è troppo sensibile, il turchese lo protegge dalle influenze esterne. Rende il soggetto calmo, ma allo stesso tempo vigile e dinamico. Promuove l’intuizione.

IMPIEGO: deve essete tenuto a contatto del plesso solare (zona dello sterno ).

I QUARZI: affumicato, rosa e quarzo  rutilato.

cristal-quartzo

Quarzo affumicato

Quarzo_cristalli

Quarzo rosa

I quarzi, si formano, nelle pegmatiti o per via idrotermale, nelle druse o nelle spaccature della roccia. Il colore scuro è dovuto  alla presenza di alluminio e del litio o anche all’irraggiamento radioattivo. In passato si pensava che il quarzo tenesse lontana la cattiva sorte. Questo splendido minerale, produce un effetto rilassante., in quanto è la classica pietra antistress che rafforza l’individuo contro i fattori che producono tensione. Promuove una mentalità pragmatica e realistica. Rafforza la capacità di concentrazione, ed evita che i sentimenti interferiscano con il pensiero.

IL METODO MIGLIORE DI TENERE, questa pietra è di metterla con una catenina al collo, e nei momenti di stress, di tenerla tra le mani.

LAPS

LAPISLAZZULI: si forma nel corso della metamorfosi del calcio in marmo. Il termine lapis, deriva dal persiano e significa pietra azzurra; essa veniva impiegata a scopi ritualistici in Egitto e Mesopotamia.Promuove saggezza ed onestà, spingendo ad affermare la propria verità interiore. Aiuta ad essere se stessi, senza compromessi ed esitazioni. Nota anche come pietra dell’amicizia. Rende estroversi facilitando l’espressione dei propri sentimenti. Ci aiuta ad esprimere con franchezza le nostre opinioni. Aiuta  a padroneggiare i nostri conflitti. Va tenuto al collo, appeso ad una catenina o appoggiato sulla fronte. Utile per i problemi alla gola.

AMBRA: è una resina fossile che nel corso di milioni di anni ha subito un processo di invecchiamento ed una graduale mineralizzazione.

0609-1993

Si trova prevalentemente, nei giacimenti di lignite. L’ambra è stata la prima pietra preziosa della storia. Viene usata da sempre come amuleto e pietra terapeutica. Infonde spensieratezza e felicità. Rende pacifici ed ottimisti, rafforzando il senso di fiducia in se stessi. Favorisce lo sviluppo solare di una natura solare nel soggetto. Rende aperti e spontanei. Stimola la creatività e grazie al fatto che l’individuo si sente più motivato nella vita, riesce a realizzare più facilmente i propri desideri.

IMPIEGO: i migliori risultati sono ottenuti, con un impiego lungo e frequente.

Agata

AGATA ARBORIZZATA: l’agata è un quarzo bianco  grezzo, di origine pegmatica, con inclusioni di silicato di ferro. In passato apparteneva alle famiglia dei calcedoni, per questo si parla di agata arborizzata. L’agata ispira calma e sicurezza. Rende l’individuo forte, accrescendo la sua stabilità. Infonde coraggio nei momenti in cui le forze diminuiscono. Aiuta a percepire le difficoltà come sfide e quindi a dominarle. Può assumere varie colorazioni in quanto viene anche colorato artificialmente.

Ha un’azione lenta, per questo occorre portarla per molto tempo.

 

CORNIOLA

Corniola

CORNIOLA: la corniola è un calcedonio contenente ferro, che si forma nelle rocce vulcaniche, basiche o acide. Vi è una colorazione arancio e quella bruna. Questa pietra, infonde il coraggio che si deve avere nella vita di tutti i giorni per migliorare se stessi. Dà impulso alla vita emotiva, rende l’individuo ideaslista e altruista, e lo spinge ad usare le energie in ciò che ritiene giusto. Rende realistici quando ci si sente confusi, e pragmatici. Va tenuta a contatto con la pelle o ingerita come essenza.

GIADA GIALLA

giada

 

LA GIADA: è un minerale che contiene giadeite, minerale molto raro che che ha origine dalla metamorfosi delle rocce basiche. Se c’è inserito del manganese, assume la colorazione giada-lavanda. Spinge l’individuo a realizzare se stesso, a considerarsi un essere di natura spirituale. Gli orientali la considerano un portafortuna. Da essa si ricavano infatti gli amuleti. Stimola la produzione di idee ed il dinamismo. Rafforza la capacità di prendere decisioni. Ha una funzione riequilibratrice. La giada ispira gioia interiore. Può essere portato addosso, o messa sulla fronte.

Riassumendo, diciamo che esistono altre gemme, anche molto preziose, come il diamante, lo zaffiro, il topazio , lo smeraldo, e altre gemme meno preziose, ma che hanno sempre delle proprietà terapeutiche, tipo, la pirite, l’azzurrite, il berillo, la boitite, il calcedonio blu,rosso, rosa, la calcite, crisoberillo, alessandridite, crisocolla, ematite, occhio di falco, occhio di tigre, pietra del sole, rodocrosite, serpentino, sodalite, tulite, zircone, opale, crisopale, ossidiana, pietersite, fluorite, epidoto, ferro tigrato, distene, diaspro, calcite, boji, blenda, aragonite, apofillite, antimonite, amazzonite ecc. Le essenze di pietre preziose: esistono essenze comode, qualora non ci si possa portare la pietra dietro; svolgono una potente azione. Le pietre sono da preferire alle essenze, ma entrambi si integrano molto bene e danno risultati.

La giusta pietra

Per scegliere una pietra, fidatevi, del vostro intuito, la medesima pietra infatti non produce sempre gli stessi effetti. Per determinare quali questi saranno, si possono utilizzare tre criteri: qualità, dimensione e forma. Per esempio uno smeraldo di colore verde scuro viene considerato migliore di uno verde chiaro. Le pietre di dimensioni maggiori, tendono ad essere più potenti di quelle più piccole. L’emissione aurica, infatti è proporzionale alla massa dell’oggetto. Esempio le radiazioni una drusa di ametista, possono prendere un’intera sala. Anche lo spigolo della pietra è importante, perchè l’azione della pietra si esercita attraverso le punte, possibilmente irregolari. Occorre dimenticare i dogmi imperanti!

E’ POSSIBILE CURARE CON QUALSIASI PIETRA, che sia però non troppo piccola.

COME INDOSSARE LA PIETRA: la pietra va indossata a contatto della pelle, e non dell’abito. Va portata sempre con sè, fin quando non ci saranno i primi miglioramenti attesi.

COLLOCAZIONE DELLE PIETRE IN CASA E LA LORO PURIFICAZIONE

Per quanto riguarda la collocazione delle pietre, in casa, è meglio metterle in un posto dove il raggio d’azione è sufficientemente ampio, al riguardo sono da preferire pietre grezze, cristalli e druse. Per quanto riguarda la purificazione, e la ricarica della pietra; occorre metterla sotto acqua corrente, a causa dell’accumulo di energia elettrostatica. Si può immergerla anche nel sale, ma non direttamente, in quanto il sale, puo’ creare modificazioni. Si consiglia di metterla in un recipiente di vetro e immergerlo in uno contenente sale.  Il processo di purificazione avrà comunque luogo, senza danneggiare la pietra. Per quanto riguarda le collane, si possono mettere in acqua demineralizzata per evitare che parti metalliche si rovinino. Sono sufficienti pochi minuti, se la pietra è stata utilizzata per una settimana. Per quanto riguarda la ricarica, occorre metterla all’esposizione della luce solare, alba o tramonto, ma non a mezzogiorno perchè si ha un effetto contrario. Per pulire le druse, è meglio acqua demineralizzata, per evitare depositi calcarei. Non usare spazzole per la polvere.Per ricaricare le pietre, si possono anche mettere in una drusa di ametista di un certo calibro.

La cristalloterapia non è da sostituirsi alla medicina tradizionale, e quindi al medico specialista, proprio per questo non ho voluto esporre i loro benefici sulla salute fisica; ma anche le problematiche mentali e dello spirito che comportano squilibri emozionali e caratteriali di una certa entità, vanno affrontati e curati da un medico specialista.

Rispondi